La Via dei Nomi

Schermata 2014-08-24 a 01.44.00

Percorso di Kabbalah pratica

La Via dei Nomi

con Marco Cestari
 

La Kabbalah dei Nomi è uno dei percorsi della Kabbalah.

Questo seminario è il lavoro di avvio per chi desidera approcciarsi al mondo dei Nomi. Si tratta di un lavoro di “progressione”.

Dopo aver compiuto i seminari dedicati all’Albero della Vita e cominciando a “masticare” l’uso delle Lettere (La Via delle Lettere), la Via dei Nomi e’ quella porta che ci consente di iniziare a cogliere una prospettiva diversa per comprendere la pratica della Kabbalah. Si tratta infatti di un lavoro parallelo e complementare, che ci consente di ampliare e approfondire l’approccio pratico e funzionale ai Nomi.

L’occasione di aprire il ventalglio esperienziale

Questo seminario ci introduce al percorso dei Nomi, che nel nostro percorso può essere compiuto in modo organico (e non sequenziale) ad altri seminari di Kabbalah, come la Via delle Lettere o La Via della Ruota. Anzi, è proprio il sapersi calare in più dimensioni ciò che consente espandere e rendere flessibile la nostra capacità di addattamento al qui e ora.

Può infatti accadere che durante gli incontri che compiamo, ci siano momenti di pratica dedicati ad un Nome particolare e averne le “basi” ci aiuta a mettere in processo uno sviluppo più completo della nostra capacità di connettere in modo più consapevole la vita.

La Via dei Nomi è solo l’incipit, l’inizio di una pratica di Tzerùf che ci introduce ai 72 Nomi del Shemhamporesh, il grande Nome. Si tratta quindi di un lavoro “gradino”, compiuto il quale possiamo cogliere – attraverso la pratica di un particolare Nome, (corrispondente a quel preciso giorno) – una dimensione molto più grande del lavoro esperienziale vissuto.

Attraverso vari esercizi  (Tzerùf, canti, recitazioni, antiche tecniche di respiro, etc.) si comincia progressivamente a cogliere l’importanza del “percorso” BahRa anche attraverso la Via dei Nomi, nello spirito aggregante più bello che chiamiamo HaVaYaH.

I benefici per chi iniza a lavorare sui Nomi

La Via dei Nomi inizia il percorso dei Nomi con esercizi di trasformazione e di risveglio interiore, in cui  il suono, le attività e le forme espressive, eseguite in un preciso ordine, consentono di mettere in moto il processo-circolare dei “Nomi”. Una “palestra” di Kabbalah, in cui esercitarsi nella più antica arte per attivare le capacità di “ricevere”.

Un programma che rimette in vita il sistema percettivo del nostro corpo, risvegliandone  facoltà o abilità assopite sotto la pelle, per “cogliere” il senso dell’esistenza e il ritmo che più desideriamo ritrovare dentro noi stessi. Un lavoro interiore che libera la nostra capacità di divenire creatori del nostro vivere.

La Via dei Nomi  è un lavoro di compressione e di elevazione.

 

Con La Via dei Nomi  le lettere dell’AlephBeit, le Merkavah e la Via delle Ruote, i nostri Tzerùf ci consentono di condurre le nostre coscienze su un piano dimensionale più profondo – dove non riusciamo ad andare con la mente.

Attraverso particolari tzerùf ci riconnettiamo spirito luminoso della nostra personale dimensione quotidiana.

La Via dei Nomi è un percorso che si sviluppa ciclicamente e con sempre nuovi esercizi, che ci avvicinano all’essenza. La sua pratica è suggerita a chi intende compiere l’esperienza dei 72 Nomi.

(*) per “seminari di base” si intendono quei seminari esperienziali come “L’Albero della Vita“, “La Via delle Lettere“, “Radici“, e …

Share Button