Esperienza di Ariel con l’Albero della Vita

Sono trascorsi quattro anni dalla mia prima esperienza con lAlbero della Vita.

Primo approccio alla Kabbalah, prima esperienza pratica.

A livello intellettuale non conoscevo nulla Leggi tutto…

Share Button

I simboli nella Kabbalah

I simboli sono da sempre l’espressione più vicina agli aspetti umani più sacri e profondi.

Di certo la tradizione ebraica e l’insieme di testi sacri e commenti sono impregnati di simbolismi di ogni genere: astri, piante, animali, fiori, frutti, elementi fisici e racconti sanno custodire in modo Leggi tutto…

Share Button
Angeli

L’angelo e la parola: un linguaggio a parte

Una delle cose che non siamo mai abbastanza pronti a cogliere sono i linguaggi che non viviamo ogni giorno. Cosa accade però quando usciamo dal nostro “campo”, cosa accade quando abbandoniamo lo schema in cui si pone la nostra vita? Leggi tutto…

Share Button

Il Mercoledì Rosso

Il Mercoledì Rosso, l’inizio dell’anno che abbiamo dimenticato

Nel giorno di Çarşema Sor – chiamato anche il mercoledì rosso, il popolo yazida celebra l’inizio del nuovo anno.

La loro meta storica è Lalish, dove giungono da tutto il mondo per Leggi tutto…

Share Button

Alberi e Sephiroth, iconografia

Da sempre gli Alberi delle Sephirot sono quei simboli della Kabbalah che catalizzano l’attenzione di generazioni di studiosi, adepti, iniziati e appassionati.

L’Albero, archetipo che esercita un fortissimo fascino sull’immaginario umano, è la raffigurazione simbolica che esprime l’ideale “sentire sottile”. Il suo insegnamento può esser colto con la mente dalle parole scritte, ma la comprensione più profonda sul piano spirituale e animico, quella che ritrova risonanza nel cuore delle nostre cellule, può avvenire solo attraverso la voce.

E nonostante si tenti di descrivere nel modo più preciso i suoi significati più profondi, la Kabbalah rimane una tradizione orale.

Share Button
la via delle ruote kabbalah estatica

Le Ruote della Vita

In ebraico la parola “ruotaגלגל (galgal) è simile alla parola “incarnazione גילגול (gilgul) e alla parola “etàגיל (gil).

Esistono una serie di correlazioni numeriche Leggi tutto…

Share Button
Il Terzo Occhio

Il Terzo Occhio

Quando oltre 4000 anni fa si raccontava che il Dio Horus volava sul Nilo, il suo occhio onniveggente e l’immagine del falco, non erano solo immagini divine e terrene. Più che simboli l’Udjat e il rapace, erano convivevano nella coscienza umana come un tutt’uno che ricordava quella nuova dimensione, dove la luce rappresenta la vita. Leggi tutto…

Share Button
L'Arca

L’Arca

Ipotizziamo un cambiamento epocale, cosa vorremmo portare con noi su una probabile arca? Cosa desideriamo salvare di questo mondo? Quali sono le scelte prioritarie che faremmo?

Stiamo vivendo un momento di cambiamento e di riassestamento dei valori, e la transizione in questi momenti ci unisce tutti. Leggi tutto…

Share Button
A cosa serve la Kabbalah

A cosa serve la Kabbalah

Nei miei seminari mi chiedono spesso… a cosa serve la Kabbalah? Ciò che serve nella Kabbalah non è la conoscenza, bensì il desiderio.

Il desiderio supremo è quello della felicità. Il segreto della felicità è la connessione con il tutto. Quando il vivere è totale perché è un tutt’uno con la conoscenza del tutto. Leggi tutto…

Share Button