Shadday-el-chay-tikkun-olam

Tikkun Olam

Tikkun Olam

Se ci comportassimo come l’ “essenza” della luce, come delle particelle di fotoni che si muovono all’istante, quasi un attimo prima che abbia inizio il tempo… che cose sorprendenti potremmo creare nella nostra vita ! Leggi tutto…

Share Button

Ombra e luce

Ombra e luce

Così, come un pezzo di carbone rimane un pezzo di carbone, nero e oscuro, tale è la nostra coscienza quando non fa nulla:  rimane avvolta da un sentire oscuro ed inquietante.

Decidere di mettere alla prova il nostro sentire, di accollarci il peso delle sfide e delle prove che la vita ci presenta, senza paura di caricarci del loro peso, tanto prima ci si libera nella vita dell’inutile presenza di ombre, pregiudizi e paure.

Si tratta di una scelta, che non poggia sull’effetto (ovvero liberarci dalle paure), bensì sulla causa (ovvero esser pronti a caricarci degli oneri più che degli onori. Il premio iniziale è la sensazione che ci sentiamo più liberi. Tuttavia si tratta solo di una sensazione. Di fatto, il peso delle prove a cui siamo sottoposti, aumenta sempre.

E’ come se ci fosse una forza che mette alla prova nella scelta compiuta. Non è il frutto di un immaginazione, bensì la realtà di una legge fisica che interviene anche nella sfera psichica. E’ la terza legge della dinamica di Isaac Newton, che cita: “per ogni azione, esiste una reazione uguale e opposta.”

Eppure, proprio in quei momenti di “confronto” con quella forza opposta, se eleviamo (anziche evitare) l’intensità della “pressione” di quella forza, raggiungiamo qualcosa d’innaspettato eppure di sorprendentemente naturale:

…quante più tonnellate comprimono quel pezzo di carbone, tanto prima esso si trasformerà in un diamante.

Quanto più ardua sarà la prova, tento più splendente e luminoso il premio.

 

Share Button

Ishtar luce risplendente

Esiste una documentazione assai importante riferita alla descrizione della costellazione della Vergine che ha origine nell’antico mondo assiro-babilonese. Questa costellazione era particolarmente associata alla fertilità e alla purezza. I babilonesi la associavano alla dea Ishtar, spesso coincidente al nome Astarte, e la riconoscevano nell’astro più splendente del cielo, che Leggi tutto…

Share Button