Alberi e Sephiroth, iconografia

Da sempre gli Alberi delle Sephirot sono quei simboli della Kabbalah che catalizzano l’attenzione di generazioni di studiosi, adepti, iniziati e appassionati.

L’Albero, archetipo che esercita un fortissimo fascino sull’immaginario umano, è la raffigurazione simbolica che esprime l’ideale “sentire sottile”. Il suo insegnamento può esser colto con la mente dalle parole scritte, ma la comprensione più profonda sul piano spirituale e animico, quella che ritrova risonanza nel cuore delle nostre cellule, può avvenire solo attraverso la voce.

E nonostante si tenti di descrivere nel modo più preciso i suoi significati più profondi, la Kabbalah rimane una tradizione orale.

Share Button
la via delle ruote kabbalah estatica

Le Ruote della Vita

In ebraico la parola “ruotaגלגל (galgal) è simile alla parola “incarnazione גילגול (gilgul) e alla parola “etàגיל (gil).

Esistono una serie di correlazioni numeriche Leggi tutto…

Share Button
seme-che-germoglia-rosh-ha-shana

Il giorno del giudizio

Il seme

Per far crescere un albero, il seme si insedia al buio nella terra. Se la terra è arida, rimane dormiente fino a quando viene bagnato dall’acqua. Quando accade, l’acqua inizia a nutrirlo e il suo guscio protettivo si apre. E’ in quel momento che ha  inizio il processo di crescita della pianta. Una parte di essa si svilupperà nella terra oscura attraverso le radici, un’altra uscirà in superficie per andare alla ricerca della luce. Leggi tutto…

Share Button
Shadday-el-chay-tikkun-olam

Tikkun Olam

Tikkun Olam

Se ci comportassimo come l’ “essenza” della luce, come delle particelle di fotoni che si muovono all’istante, quasi un attimo prima che abbia inizio il tempo… che cose sorprendenti potremmo creare nella nostra vita ! Leggi tutto…

Share Button
Il-Risveglio-DellAlbero-della-Vita

Il risveglio dell’Albero della Vita

L’albero della vita non è un simbolo esteriore,
bensì l’essere vivente sottile che esiste dentro di noi
e che possiamo risvegliare.

Dopo l’Equinozio di primavera, la vita riprende vigore. Tutte le tradizioni celebrano in questo periodo dell’anno il risveglio della vita.

Il senso originario di queste tradizioni tuttavia non è rivolto solo verso la natura che ci circonda, bensì è qualcosa di più concreto e reale, che ci appartiene da sempre. E’ il momento in cui osiamo “uscire”, svestirci dagli abiti pesanti, che apre a cambiamenti di scelte di vita, si spostano le lancette dell’orologio, si aprono le finestre all’aria primaverile. Qualcosa è cambiato: Leggi tutto…

Share Button
energia-delle-lettere

L’energia della lettere

Nei primi giorni di scuola si inizia ad apprendere l’alfabeto. L’energia delle lettere si coglie compiendo esercizi vocali, tra i quali la sillabazione.
Ricordate?
Mi, mu, mo, ma, me… e si giocava nell’individuare il suono all’interno delle parole: dor-mi. mu-to, ma-turo… etc.
Era un gioco, eppure se poteva sembrare tale, quel suono ci consentiva di apprendere e conoscere Leggi tutto…

Share Button

Ombra e luce

Ombra e luce

Così, come un pezzo di carbone rimane un pezzo di carbone, nero e oscuro, tale è la nostra coscienza quando non fa nulla:  rimane avvolta da un sentire oscuro ed inquietante.

Decidere di mettere alla prova il nostro sentire, di accollarci il peso delle sfide e delle prove che la vita ci presenta, senza paura di caricarci del loro peso, tanto prima ci si libera nella vita dell’inutile presenza di ombre, pregiudizi e paure.

Si tratta di una scelta, che non poggia sull’effetto (ovvero liberarci dalle paure), bensì sulla causa (ovvero esser pronti a caricarci degli oneri più che degli onori. Il premio iniziale è la sensazione che ci sentiamo più liberi. Tuttavia si tratta solo di una sensazione. Di fatto, il peso delle prove a cui siamo sottoposti, aumenta sempre.

E’ come se ci fosse una forza che mette alla prova nella scelta compiuta. Non è il frutto di un immaginazione, bensì la realtà di una legge fisica che interviene anche nella sfera psichica. E’ la terza legge della dinamica di Isaac Newton, che cita: “per ogni azione, esiste una reazione uguale e opposta.”

Eppure, proprio in quei momenti di “confronto” con quella forza opposta, se eleviamo (anziche evitare) l’intensità della “pressione” di quella forza, raggiungiamo qualcosa d’innaspettato eppure di sorprendentemente naturale:

…quante più tonnellate comprimono quel pezzo di carbone, tanto prima esso si trasformerà in un diamante.

Quanto più ardua sarà la prova, tento più splendente e luminoso il premio.

 

Share Button
albero-della-vita

Etz Chaijm – Albero della Vita

עץ החיים (Etz Chajim) L’Albero della Vita

Le parole “spese” per ricordare il simbolo dell’Albero della Vita sono tante quante gli alberi della terra.

Nella Kabbalah l’albero della vita continua a conservare la tradizione del segreto (סוד) . Questa tradizione tramanda un cammino misterioso e affascinante capace di condurre la coscienza dell’uomo giusto fino a quella sapienza (חוכמה) che risale ai primordi della vita, all’alba della coscienza umana, all’Adam. Leggi tutto…

Share Button
adesso-è-il-tempo

Adesso è il tempo

Adesso è il tempo… con Rosh Hashanah il 25 settembre 2014 si è celebrata secondo il calendario ebraico l’entrata nell’anno 5775. Il 5775 appare nella Torah e altri testi sacri, il suo significato numerico tuttavia corrisponde secondo la tradizione alle parole “sha-ah ata,” , che in ebraico significano “adesso è il tempo.”

“Adesso è il tempo”…

Leggi tutto…

Share Button

Quando il suono si rivela

HaVaYaH è uno dei 10 Nomi con cui si manifesta il senso del “Nome” nella Kabbalah.

Esistono pratiche molto antiche in merito alla meditazione sul Nome HaVaYaH: dallo Tzerùf alle danze estatiche tipiche del Chassidismo, dalle meditazioni in movimento a quelle sulle lettere. La ragione è data dal fatto che questo suono viene recepito in profondità nel corpo. Per questo motivo Leggi tutto…

Share Button